title

Salute- Le ultime news dal mondo

antonio caperna Salutedomani

0
Followers
0
Plays
Salute- Le ultime news dal mondo

Salute- Le ultime news dal mondo

antonio caperna Salutedomani

0
Followers
0
Plays
OVERVIEWEPISODESYOU MAY ALSO LIKE

Details

About Us

Le notizie più aggiornate di medicina, salute, benessere, fitness, bellezza e sanità da tutto il mondo e sempre a tua disposizione. Approfondimenti su www.salutedomani.com, il canale Tv youtube.com/tvMEDtv , twitter: @salutedomani e la pagina Facebook: salutedomanicom. Abbonati!

Latest Episodes

podcast salutedomani-sla-roche-fibrosi-svizzera-staminali

-SLA: Scoperta diagnosi precoce. Studio Istc-CNR, Molinette, Irmet Dimostrata per la prima volta la possibilità di diagnosticare precocemente la Sla con un esame di tomografia ad emissione di positroni (Pet) mediante un tracciante analogo al glucosio (18F-Fdg) utilizzato nella pratica clinica dai centri di medicina nucleare. A raggiungere il risultato, pubblicato sulla rivista 'Neurology', un gruppo di ricerca italiano che coinvolge l’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Istc-Cnr) di Roma. Hanno collaborato il Centro Pet Irmet di Torino e il Centro SLA dell’Azienda ospedaliero universitaria Città della salute e della scienza e Dipartimento di neuroscienze dell’Università degli Studi di Torino. Questa tecnica permette di raggiungere un’accuratezza diagnostica del 95% e rappresenta un passo importante per lo sviluppo nella diagnosi precoce della malattia. Finora poteva essere diagnosticata esclusivamente attraverso l’indagine clinica e con il supporto di metodiche neurofisiologiche e pertanto richiedeva un lungo periodo di osservazione. L’accelerazione e la maggiore accuratezza della diagnosi di Sla sono fondamentali oltre che per la certezza di reclutare nei trial clinici pazienti con diagnosi confermata anche per lo sviluppo di nuove terapie e per l’identificazione di possibili familiarità sulle quali intervenire precocemente. -Fibrosi polmonare idiopatica: Roche compra InterMune per 8,3 miliardi di dollari Roche ha acquistato per 8,3 miliardi di dollari il gruppo InterMune. L'acquisto è di 74 dollari per azione. L'offerta è un premio del 38% rispetto al prezzo di chiusura di InterMune di venerdì scorso e del 63% rispetto a quello del 12 agosto. InterMune è una società di biotecnolgia con sede a Brisbane, California, focalizzata sulla ricerca, sviluppo e commercializzazione di terapie innovative in pneumologia e malattie fibrotiche; permetterà a Roche di ampliare e rafforzare il proprio portafoglio nell'area respiratoria a livello globale. Pirfenidone è il prodotto principale di Intermune, terapia per la fibrosi polmonare idiopatica (IPF), malattia progressiva, irreversibile e infine fatale, caratterizzata da progressiva perdita della funzione polmonare a causa di fibrosi o cicatrici. -Suicidio assistito: aumentano i casi di stranieri in Svizzera. 500% in piu' gli italiani in 4 anni Aumentano i casi di suicidio assistito in Svizzera di persone non residenti nel paese Elvetico. Si tratta di casi anche non legati a malattie fatali. Lo afferma uno studio dell'Università di Zurigo e del Centro di Psichiatria di Münsingen, pubblicato sul 'Journal of Medical Ethics'. Aumenti evidenti in particolare per l'Italia, dove si è passati dai 4 casi del 2008 ai 22 del 2012 e in Francia (7 casi nel 2009 e 19 nel 2012). Il numero di 'turisti per il suicidio assistito' è raddoppiato nell'arco di appena quattro anni, specialimente di persone provenienti dalla Germania e dal Regno Unito, per malattie neurologiche come paralisi, sclerosi laterale amiotrofica, Parkinson, sclerosi multipla. Queste malattie rappresentano la maggior parte dei casi riportati. Le malattie neoplastiche si fermano al 37% dei casi tra il 2008 e il 2012, un 10% in meno rispetto al passato. Le malattie reumatiche e del tessuto connettivo, come l'artrite reumatoide e l'osteoporosi, sono il 25% dei casi analizzati contro il 10 % di quelli registrati tra il 1990 e il 2000, seguono quelle cardiovascolari. Il 28% dei casi riporta più di una malattia per la scelta del suicidio assistito. La ricerca mostra che 611 non residenti in Svizzera sono stati aiutati a morire tra il 2008 e il 2012 con un'età compresa tra i 23 e i 97 anni e una media di 69 anni. Il 58,5% è donna. In tutto quindi si sono rivolti alla Svizzera i malati di 31 nazioni tra il 2008 e il 2012: 268 dalla Germania, 126 dal Regno Unito, 66 dalla Francia, 44 dall'Italia, 21 dagli USA, 13 dall'Austria, 12 dal Canada, 8 da Spagna e Israele.

5 MIN2014 AUG 25
Comments
podcast salutedomani-sla-roche-fibrosi-svizzera-staminali

podcast salutedomani-cheratosi-orticaria-diabete-avanafil

-CHERATOSI ATTINICA: PRONTA GUARIGIONE CON IL GEL Un ciclo di terapia di due o tre giorni con un’unica somministrazione topica quotidiana, per trattare rapidamente le lesioni da cheratosi attinica, malattia della cute di cui soffrono milioni di persone in Italia e nel mondo soprattutto dopo i 40 anni. Arriva in Italia il gel a base di ingenolo mebutato, frutto dell’impegno di LEO Pharma, contro questa «forma di carcinoma allo stadio iniziale o “in situ”; le lesioni attiniche sono molto antiestetiche e ciascuna potenzialmente pericolosa perché a rischio di evoluzione maligna», afferma prof. Giampiero Girolomoni, Direttore della Clinica Dermatologica dell’Università degli Studi di Verona. La cheratosi attinica è ancora poco conosciuta e sotto-diagnosticata nonostante le lesioni possano progredire nel più frequente tumore della pelle non-melanoma, ovvero il carcinoma squamocellulare invasivo (SCC). Il farmaco è rimborsato dal Sistema Sanitario Nazionale. -ORTICARIA, OK DALL’EUROPA PER OMALIZUMAB La Commissione Europea ha approvato l’utilizzo di omalizumab come terapia aggiuntiva per il trattamento dell’orticaria cronica spontanea nei pazienti adulti e adolescenti con risposta inadeguata al trattamento con antistaminici H1. La dose approvata è di 300 mg per iniezione sottocutanea ogni 4 settimane. «Il trattamento con questo anticorpo monoclonale è efficace per il controllo dei sintomi in quei pazienti che non rispondono alla terapia tradizionale con antistaminici. E’ un grande passo avanti nella cura», afferma il Prof. Paolo Pigatto, Presidente SIDAPA (Società Italiana Dermatologia Allergologica Professionale e Ambientale) in occasione del Convegno ‘Skin to live in’ di Barcellona. Si stima che la prevalenza dell’orticaria cronica nella popolazione mondiale raggiunga l’1%, e fino a due terzi di questi pazienti soffrano della forma spontanea, patologia cutanea grave e logorante, caratterizzata dalla presenza sulla pelle di lesioni o pomfi rossi, gonfi, pruriginosi e talvolta dolorosi, che insorgono e ricorrono spontaneamente per oltre 6 settimane. -“OCCHIO AL DIABETE”, CAMPAGNA CONTRO LE COMPLICANZE OCULARI Prendere coscienza dei possibili rischi che il diabete può generare alla vista. E' l'obiettivo di 'Occhio al Diabete', la campagna promossa da Diabete Italia, dedicata a informare la popolazione sulle complicanze oculari, in particolare sulla retinopatia e l'edema maculare. Il tutto si articola in diverse iniziative, tra cui il sito www.occhioaldiabete.it , e il libretto 'Detto da Noi', con le linee guida per la prevenzione e la diagnosi precoce. Sono inoltre previste locandine e materiale informativo per i centri di diabetologia. «In un paese come l’Italia, dove esistono diverse realtà sanitarie e assistenziali, una campagna informativa come la nostra diventa indispensabile per rendere il paziente più esperto e sensibile anche alle complicanze cui possono essere soggetti organi importanti come gli occhi», afferma Salvatore Caputo, Presidente di Diabete Italia. Due sono i fattori di rischio che influiscono maggiormente sulla manifestazione della patologia: il tempo trascorso dall’insorgenza del diabete (quanto più a lungo si soffre di diabete, tanto più alta è la probabilità di soffrire di complicanze retiniche) e lo scarso controllo della glicemia e della pressione. Gli specialisti consigliano il controllo della retina ogni due anni, mentre in presenza di retinopatia deve essere continuativo ed eseguito a cadenza almeno annuale; quindi l'Esame del fondo oculare, fluorangiografia e OCT. -ARRIVA ‘LA PILLOLA DELL’AMORE SENZA ATTESA’ Un'efficacia prolungata, che si mantiene per oltre 6 ore dall'assunzione e che inizia ad agire entro 15 minuti; riduzione della possibilità di comparsa di effetti collaterali e una minor probabilità di interazioni con medicinali e cibi; dosaggi che non vanno “aggiustati” in caso di pazienti anziani, con diabete o con insufficienza renale. Tante caratteristiche per rendere la vi

4 MIN2014 APR 23
Comments
podcast salutedomani-cheratosi-orticaria-diabete-avanafil

podcast salutedomani-menarini-rene-lilly-diabete-msd-obesita

-Leucemia, Studio Florence: Febuxostat, “farmaco-spazzino” riduce i danni da chemioterapia Ogni anno sono oltre 25.000 gli italiani che devono fare i conti con tumori ematologici come leucemie e linfomi, guaribili oggi nel 70 % dei casi, ma che espongono al rischio di uno degli effetti collaterali più temibili della chemioterapia, la cosiddetta sindrome da lisi tumorale che si verifica quando tante cellule neoplastiche, distrutte dai farmaci, liberano nell'organismo sostanze tossiche per i reni, in particolare acido urico. Questo problema riguarda circa il 3-20% dei malati con tumori ematologici, ma l'incidenza sale fino al 30% negli under 18. Prevenire la lisi, che può provocare insufficienza renale in circa il 30% dei casi e nel 5% dei pazienti essere addirittura mortale, potrebbe presto diventare più semplice con febuxostat, un farmaco già ampiamente usato per ridurre l’acido urico nei malati di gotta: febuxostat, sicuro e ben tollerato, fin dal primo giorno di trattamento si comporta come uno “spazzino” diminuendo di circa il 30% i livelli di acido urico nel sangue rispetto all'allopurinolo, il farmaco impiegato ormai da trent'anni. Lo dimostrano i dati preliminari dello studio FLORENCE (Febuxostat for tumor Lysis syndrOme pREvention iN hematologiC malignanciEs), la più ampia sperimentazione clinica internazionale mai condotta in questo ambito, presentati oggi in anteprima a Firenze, la città dove lo studio è stato disegnato, con un investimento di circa 50 milioni di euro per l’intero programma di sviluppo di Febuxostat nella sindrome da lisi tumorale. -Negli ultimi 4 anni persi 1700 posti di specializzazione “In Italia negli ultimi 4 anni abbiamo perso 1.700 posti destinati alle scuole di specializzazione. I posti sono circa la metà di quelli necessari. Siamo in controtendenza rispetto al resto dell'Europa e del mondo che richiede specializzazione e cultura per la scienza. Rischiamo di laureare ottimi professionisti ma perdere tutti i potenziali scienziati e innovatori”. Lo ha dichiarato Andrea Lenzi, Presidente del Consiglio universitario nazionale, Cun, Ordinario di endocrinologia alla Sapienza Università di Roma in occasione dell’appuntamento annuale che ha avuto luogo oggi in Senato, promosso dalla Fondazione Lilly nell’ambito del progetto “La Ricerca in Italia: un’Idea per il Futuro”. L’iniziativa, arrivata ormai alla sua sesta edizione, è tesa a favorire la cultura della ricerca in Italia proponendo un nuovo modello basato su meritocrazia, trasparenza e valorizzazione economica. Anche quest’anno la Fondazione Lilly ha confermato il suo impegno assegnando una borsa di studio a un giovane ricercatore e aprendo il nuovo bando di ricerca. -Diabete: Ridurre il rischio di ipoglicemia Campagna MSD “L’educazione innanzitutto” Per le persone con diabete, la gestione delle crisi ipoglicemiche è un obiettivo imprescindibile, di cui spesso il paziente è poco a conoscenza e per il quale è necessaria una consapevolezza più diffusa.A 7 anni dal lancio di sitagliptin, MSD Primary Care Diabete presenta “L’educazione innanzitutto”, un nuovo progetto educazionale che ha come obiettivo quello di informare sulla consapevolezza del problema ipoglicemia, sulle complicanze ad essa associate e sul ruolo della sua corretta gestione. La campagna prende avvio con il lancio di un cortometraggio, interpretato dagli attori Enzo Decaro e Marta Zoffoli, che pone l’accento sui rischi che derivano dal sottovalutare l'ipoglicemia. Il cortometraggio si rivolge alle persone con diabete con la finalità educazionale di far comprendere cosa sia l'ipoglicemia e quali siano le complicanze ad essa associate. Il corto vuole inoltre essere uno spunto di riflessione per i medici e gli esperti di diabetologia circa l'importanza della consapevolezza da parte dei pazienti del problema ipoglicemia e la necessità di una sua corretta gestione. -Un palloncino per ridurre la fame In Italia il 25% dei bambini è in sovrappeso, mentre il

5 MIN2014 FEB 15
Comments
podcast salutedomani-menarini-rene-lilly-diabete-msd-obesita

podcast salutedomani-tumore-favo-epac-amd-sid-anmco-diabete

-TUMORE, AL VIA LA CARTA EUROPEA DEI DIRITTI DEL MALATO Nasce la Carta Europea dei Diritti del Malato di Cancro. È presentata oggi in occasione della Giornata mondiale contro il Cancro, a Strasburgo, con la partecipazione del Commissario Europeo per la Salute, Tonio Borg. Il documento è realizzato grazie ad una forte alleanza tra associazioni di pazienti (European Cancer Patients Coalition - ECPC) ed esperti in ricerca, innovazione e advocacy del “pianeta cancro” (European Cancer Concord – ECC), con il sostegno condiviso dell’Associazione degli Europarlamentari contro il cancro (MAC). La Carta è una vera e propria chiamata alle armi delle istituzioni europee e nazionali per un impegno concreto nell’affrontare l’epidemia di cancro che colpisce l’Europa e che porterà alla morte di 1 malato ogni 10 secondi nei prossimi 20-25 anni. In Italia nel 2013 sono state registrate 366mila nuove diagnosi e 173mila decessi. L’Italia ha contribuito concretamente alla redazione della Carta Europea dei Diritti del Malato di Cancro grazie al lavoro della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) e dell’Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici (AIMaC). La Carta Europea dei Diritti del Malato di Cancro è uno Statuto del Paziente che punta a risolvere le diseguaglianze che le persone affette da neoplasie affrontano ogni giorno in Europa, principalmente legate a status socioeconomico, età anagrafica, accesso a cure di qualità e mancanza di un Piano Oncologico Nazionale. Il cancro pesa sull’economia di tutto il mondo per un valore complessivo che sfiora i 1.000 miliardi di Euro, cosa che ne fa la malattia numero 1 in termini di prosciugamento delle risorse finanziare globali. -EPATITE C: SI PUO’ GUARIRE. CAMPAGNA EPAC E' partita oggi la campagna nazionale: “Epatite C – Le novità ci sono. Informati adesso”, promossa da EpaC Onlus, con l’obiettivo di sensibilizzare i pazienti con Epatite C affinché si informino sulle attuali opportunità di cura della patologia presso la rete dei Centri specialistici autorizzati dall’AIFA. L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di persone positive al virus dell’Epatite C: circa il 3% della popolazione italiana è entrata in contatto con l’HCV. Si stima che i portatori cronici siano almeno 1,6 milioni, di cui 330.000 con cirrosi epatica. Di questi, ogni anno, circa 20.000 muoiono per malattie croniche del fegato causate dall’Epatite C. Si tratta di una malattia subdola perché nella maggior parte dei casi rimane asintomatica per anni o addirittura per decenni, ma silenziosamente il virus lavora, provocando gravi danni al fegato. Quasi la metà dei pazienti può sviluppare cirrosi nell’arco di 25-40 anni, altri possono sviluppare manifestazioni extraepatiche, come vasculiti e danni renali fino ad arrivare all’epatocarcinoma e al trapianto. È importante eradicare il virus prima che si sviluppino questi elementi di gravità clinica. -DIABETE, LA DISINFORMAZIONE UCCIDE. APPELLO SID - AMD Le Società Scientifiche e Professionali di Diabetologia e le Associazioni delle persone con diabete denunciano come, con sempre maggiore insistenza, vengano presentate al pubblico e alle persone con diabete sulla rete e sui giornali ‘soluzioni’ miracolistiche, in larga parte basate su diete drastiche (cibi crudi, diete alcaline, vegetariane o altro), con la promessa di ‘guarire’ in pochi giorni il diabete e di abbandonare le terapie farmacologiche, inclusa l’insulina. La comunità scientifica nazionale e internazionale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e lo stesso Ministero della Salute da decenni sostengono a chiare lettere che la migliore prevenzione del diabete mellito è e rimane una sana igiene di vita (regolare attività fisica, dieta equilibrata e sana, moderato consumo di alcool e abolizione del fumo). Il fatto che la dieta sia un pilastro fondamentale del trattamento del diabete è un dato indiscutibile e irrinunciabile. Il problema nasce quando la terapia

5 MIN2014 FEB 5
Comments
podcast salutedomani-tumore-favo-epac-amd-sid-anmco-diabete

podcast salutedomani-cefalea-doctor-plus-incontinenza-tumore

-CEFALEE CRONICHE: CRESCE L’ABUSO DI ANTIDOLORIFICI TRA GLI ADOLESCENTI L’emicrania è la malattia neurologica genetica più diffusa tra i piccoli. In Italia colpisce circa 10 bambini su 100. Il suo sintomo più conosciuto, la cefalea o mal di testa, tipico anche di altre patologie, in età pediatrica ha un’incidenza ancora più alta: ne soffre oltre il 40% dei ragazzi. E proprio tra gli adolescenti aumentano anche i casi di mal di testa cronici dovuti all’abuso di antidolorifici usati impropriamente come terapia. Lo segnala il Centro Cefalee dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che segue ogni anno oltre 1500 pazienti, 750 dei quali in day hospital. “In caso di cefalee ricorrenti la prima cosa da fare –affermano gli esperti del Centro Cefalee del Bambino Gesù - è rivolgersi al pediatra di famiglia per provare a capire se il mal di testa è espressione di emicrania (è così nel 60% dei casi), o sintomo di altre malattie come le infezioni delle vie aeree o di patologie cerebrali potenzialmente serie. Il secondo passo è contattare un Centro specializzato”. Intanto aumentano i casi di abuso (più di 15 dosi al mese) di antidolorifici tra gli adolescenti che soffrono di mal di testa cronico quotidiano. “Questo trend in crescita è dovuto a un utilizzo improprio dell’antidolorifico come “cura”, favorito anche dalla tendenza delle famiglie all’autoprescrizione e all’autogestione dei farmaci”. -TELEMEDICINA, DOCTOR PLUS E’ NUOVA PAGINA DELL’INNOVAZIONE IN SANITA’ Misurazioni a domicilio di alcuni parametri (glicemia, peso corporeo, pressione) con i dati che vengono inviati tramite Bluetooth a una centralina che li raccoglie e li invia a una piattaforma che utilizza il cloud, una sorta di «nuvola» telematica che consente al medico di base, allo specialista e agli infermieri di avervi subito accesso e monitorare lo stato di salute del paziente sei giorni su sette e 12 ore su 24, contattandolo per offrire consigli e suggerimenti nel caso i valori superino una certa soglia limite. La conferma del successo di una simile organizzazione (sotto l’egida delle Asl e senza costo per i pazienti) arriva dal più importante studio di telemedicina mai realizzato in Italia, che ha coinvolto per dodici mesi circa trecento persone diabetiche monitorati attraverso “Doctor Plus”, innovativo servizio telematico di monitoraggio remoto dedicato ai pazienti cronici con diabete, Bpco, e scompenso cardiaco realizzato da MSD Italia. Lo studio, effettuato nel Lazio e in Toscana, è stato coordinato dalla Fondazione Mario Negri Sud . I risultati: miglioramento dei valori glicemici, riduzione delle complicanze, minor ricorso a prestazioni sanitarie e visite specialistiche con risparmi per il servizio sanitario nazionale. -INCONTINENZA: GIUNTA SARDEGNA VARA RETE PREVENZIONE E CURA La Sardegna è la seconda Regione in Italia (dopo il Piemonte) a dotarsi di una Rete di centri per la prevenzione, la diagnosi e la cura dell’incontinenza urinaria e fecale. “L’incontinenza – affermano dall’assessorato alla sanità - interessa, secondo gli ultimi dati disponibili, il 20-30% delle donne e il 2-11% dei maschi in età adulta; tale percentuale nelle donne sale al 32-64% durante la gravidanza e al 55% nella popolazione anziana. Complessivamente un fenomeno che in Sardegna riguarda tra le 70 e le 100mila persone. Parliamo di una patologia anche dai risvolti sociali, visto che spesso limita la vita relazionale dei pazienti”. La prima è relativa all’individuazione dei Centri: al momento ne sono stati censiti 13 di primo livello (un primo riferimento per i medici - di Medicina Generale o specialisti. Sono collocati sul territorio o in strutture ospedaliere di “prossimità” per rispondere alle esigenze dei cittadini); 12 di secondo livello (identificati come centri per fornire una gestione "specializzata" del problema e di quei casi che non hanno trovato una soluzione soddisfacente dalla gestione di primo livello. Sono attrezzati anche per una diagnostica spe

5 MIN2014 JAN 30
Comments
podcast salutedomani-cefalea-doctor-plus-incontinenza-tumore

podcast salutedomani-tiroide-rene-fibrillazione-distrofia

-IL ROBOT OPERA ALLA TIROIDE SENZA SEGNI SUL COLLO Il robot chirurgo Da Vinci, 'telecomandato' dall2019équipe dell'Unità Operativa di Chirurgia Endocrina e Metabolica del Policlinico universitario A. Gemelli di Roma, diretta dal professor Rocco Bellantone, ha eseguito un intervento senza precedenti nel Lazio e nel Sud Italia: ha operato la tiroide di una giovane paziente senza lasciare alcun segno sul suo collo. Il robot ha raggiunto la ghiandola malata attraverso l'ascella. L'intervento eseguito al Policlinico Gemelli si chiama 'Tiroidectomia robotica trans-ascellare'. Si tratta di un'operazione al momento indicata in casi selezionati. L'intervento è stato effettuato lo scorso 17 gennaio su una donna di 37 anni affetta da gozzo nodulare. La giovane è stata dimessa in ottime condizioni il giorno dopo l'operazione. La tecnica della Tiroidectomia robotica trans-ascellare, messa a punto in Corea e attualmente in via di diffusione anche nei Paesi occidentali, consente di evitare ogni cicatrice sul collo rispetto alle tecniche convenzionale e mini-invasiva, che vengono eseguite con un accesso chirurgico cervicale. Col nuovo intervento la tiroide viene infatti raggiunta dall'ascella, con un accesso chirurgico nascosto e poco visibile. Attraverso la singola incisione ascellare vengono introdotte la telecamera e gli strumenti robotici, che sono manovrati dal chirurgo comodamente seduto alla consolle. Il sistema computerizzato consente una visione tridimensionale e ingrandita, nonché un assoluto controllo dei movimenti degli strumenti robotici. Queste caratteristiche tecniche facilitano e rendono molto accurata la dissezione chirurgica, garantendo l'assoluta sicurezza dell'intervento. La tiroidectomia robotica è attualmente indicata per il trattamento della patologia tiroidea nodulare benigna. È però in corso di validazione il suo impiego per il trattamento della patologia maligna in pazienti a basso rischio. -MICRO PUNTURA CONTRO I CALCOLI RENALI NEI BAMBINI All'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è possibile polverizzare i calcoli renali nei bambini con una 'puntura' indolore. Si chiama 'Micro-perc' la nuova tecnica mini-invasiva, sperimentata con successo per la prima volta su una bambina di 11 anni, che consente, attraverso strumenti miniaturizzati, di abbattere il rischio di danni ai reni e di ridurre di oltre il 50% i tempi di ospedalizzazione rispetto ai metodi tradizionali. Considerata una malattia tipica dell'adulto, la calcolosi renale colpisce 2 bambini su 100, rappresentando un problema anche per i più piccoli. La nuova metodica si avvale di un ago sottile (da 1,6 mm) dentro il quale scorrono una finissima fibra ottica (0,9 mm) e una fibra laser (da 270 micron) con cui si riesce contemporaneamente ad avere una visione diretta dei calcoli renali e a distruggerli. Le dimensioni miniaturizzate della strumentazione riducono di molto il rischio di sanguinamento e di lesioni al rene, permettendo di trattare una buona parte di calcoli senza ricorrere alle tecniche 'classiche', molto aggressive per l'organo. -NUOVO FARMACO PER EPATITE C La Commissione Europea ha concesso l'autorizzazione per l'immissione in commercio delle compresse da 400 mg di Sovaldi (sofosbuvir), un analogo nucleotidico inibitore della polimerasi in mono-somministrazione orale giornaliera, per il trattamento dell'infezione cronica da epatite C (CHC) in soggetti adulti, in associazione con altri agenti antivirali: ribavirina (RBV) e interferone pegilato alfa (peg-IFN). L'autorizzazione giunge in seguito ad un processo di valutazione accelerato da parte dell'Agenzia Europea dei Medicinali. Sofosbuvir è stato studiato su tutti i genotipi dell'HCV 1-6. -APIXABAN PER LA FIBRILLAZIONE ATRIALE NON VALVOLARE Apixaban, anticoagulante orale inibitore diretto del fattore Xa, è ora rimborsato in Italia anche per la prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica nei pazienti adulti affetti da Fibrillazione Atriale Non Valvolare (FANV) che presentin

5 MIN2014 JAN 22
Comments
podcast salutedomani-tiroide-rene-fibrillazione-distrofia

podcast salutedomani-sclerosi-antibiotici-probiotici-fibrosi

-RESISTENZA ANTIBIOTICI: SFIDA AI SUPERBATTERI. ARRIVA NUOVA CEFALOSPORINA Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae: hanno tutti il nome latino, sono piccoli esseri microscopici monocellulari e possono sviluppare resistenze ai principali antibiotici, diventando così pericolosi e di difficile gestione. Meglio conosciuti come 'superbatteri' o 'batteri killer', questi germi resistenti ai farmaci causano circa 400 mila infezioni e 25 mila morti ogni anno solo in Europa, con un impatto economico che si stima di 1,5 miliardi di euro tra spese sanitarie e perdita di produttività. Oggi arriva in Italia un antibiotico di nuova generazione efficace contro ceppi batterici resistenti e difficili da trattare: ceftarolina fosamil è la prima cefalosporina efficace anche contro MRSA, lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina che in Italia è considerato un vero problema di salute pubblica; ha un'incidenza del 38% (doppia rispetto alla media europea) e provoca ogni anno più di 52 mila casi di infezioni complicate della cute. Approvato per il trattamento delle infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (cSSTI) e per la polmonite acquisita in comunità (CAP). -FIBROSI CISTICA, PROGETTO L.IN.F.A. : ADOLESCENTI E GENITORI A CONFRONTO Presentati a Milano i risultati di L.IN.F.A. il primo laboratorio interattivo che pone al centro della ricerca l'adolescente (13 - 18 anni) con la Fibrosi Cistica e le loro famiglie con l2019obiettivo di valutare i fattori psicologici, clinici e relazionali che influenzano la qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie. La ricerca è stata realizzata da DoxaPharma con il supporto di Abbott e il patrocinio di LIFC (Lega Italiana Fibrosi Cistica) e SIFC (Società Italiana Fibrosi Cistica). Ha coinvolto 17 centri per la Fibrosi Cistica per un totale di 168 ragazzi (52% femmine, 48% maschi) e 225 genitori (59% madri, 41% padri). I ragazzi intervistati tendono a restituire un vissuto di normalità nelle relazioni con gli altri, anche se circa 1 paziente su 3 dichiara di sentirsi differente dalle altre persone della propria età e 1 su 4 talvolta incompreso dai propri coetanei; spesso la propria diversità è accentuata dalla necessità di assumere la terapia in pubblico, motivo di imbarazzo e vergogna per più della metà degli intervistati. -PROBIOTICI PER LE COLICHE INFANTILI Semaforo verde per il probiotico Lactobacillus reuteri come aiuto per le coliche infantili ma solo se i neonati sono allattati al seno. L'indagine, condotta dal Murdoch Childrens research institute and Royal Children's hospital in Australia su 12 studi clinici, ha coinvolto oltre 1.800 bambini da zero a tre mesi di età allattati con latte artificiale o al seno. Pubblicata su Jama Pediatrics, complessivamente dimostra che la metà degli studi confermano l'efficacia dei probiotici nel calmare il pianto e i mal di pancia dei piccoli quando sono nutriti esclusivamente al seno. Solo una ricerca dimostra una possibile efficacia quando si usa il biberon. Come tutti i probiotici, L. reuteri è un batterio amico non patogeno. Ciò significa che esercita solo ed esclusivamente funzioni benefiche nell2019organismo umano, ristabilendo un giusto equilibrio nella microflora intestinale. Analizzando la flora intestinale dei gruppi di lattanti trattati, si è visto che la somministrazione del lactobacillo favorisce un aumento delle specie batteriche benefiche a scapito di microrganismi patogeni. Inoltre si ipotizza un possibile ruolo sia nella regolazione dei movimenti della peristalsi intestinale sia nella percezione del dolore. -BOLLINI ROSA PER I CENTRI DI SCLEROSI MULTIPLA Sono 94 i centri ospedalieri italiani certificati 'a misura di donna' per la cura della sclerosi multipla che hanno ottenuto i Bollini Rosa e sono stati premiati nel corso di una cerimonia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi. Il riconoscimento viene attribuito dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute dell

5 MIN2013 DEC 4
Comments
podcast salutedomani-sclerosi-antibiotici-probiotici-fibrosi

podcast salutedomani-sclerosi-multipla-influenza-telethon-

-INFLUENZA, AL VIA LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE NELLA REGIONE LAZIO E'partita la campagna di vaccinazione anti-influenzale promossa dalla Regione Lazio. E' rivolta alle persone che hanno maggiori rischi di contagio del virus: - anziani sopra i 65 anni - bimbi sopra i sei mesi - adulti con patologie particolari, come ad esempio malattie cardiache e respiratorie, insufficienza renale, diabete, tumori e immunosoppressione causata da HIV. Per questa iniziativa, infatti, la Regione ha investito 12 milioni di euro. L'obiettivo è quello di raggiungere il 75% dei soggetti a rischio, risultato che verrà centrato grazie al coinvolgimento del medici di medicina generale. -SCLEROSI MULTIPLA: MIGLIORATE DEAMBULAZIONE E QUALITA2019 DI VITA CON FAMPRIDINA Presentati al Congresso della SIN - Società Italiana di Neurologia (Milano, 2 - 5 novembre 2013) i risultati preliminari dello studio ENABLE che ha valutato gli effetti del trattamento a lungo termine con fampridina a rilascio prolungato sulla mobilità e sulla qualità della vita dei pazienti affetti da Sclerosi Multipla (SM). Lo studio ha dimostrato che nei pazienti con Sclerosi Multipla che presentano difficoltà di deambulazione la fampridina a rilascio prolungato determina un miglioramento statisticamente significativo della funzionalità fisica, dell'abilità a compiere attività quotidiane, nonché delle condizioni psicologiche dei pazienti e della loro qualità di vita: benefici evidenti già dopo 12 settimane e che si sono mantenuti per tutto il periodo di osservazione. ENABLE è uno studio multicentrico della durata di 48 settimane condotto in Europa, Canada e Australia in 85 centri, tra cui 5 italiani: l'Ospedale San Raffaele di Milano, l'Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova, l'Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze, l'Ospedale S. Andrea di Roma, l'Azienda Ospedaliera Universitaria di Bari. Sono stati coinvolti 901 pazienti, di cui 78 italiani, prendendo in osservazione tutte le diverse forme di SM. -NUOVO PRESIDENTE PER LA SOCIETA2019 ITALIANA DI NEUROLOGIA (SIN) Aldo Quattrone, Professore Ordinario di Neurologia e Rettore dell'Università Magna Grecia di Catanzaro, è il nuovo Presidente della Società Italiana di Neurologia. La proclamazione è avvenuta in occasione del 44° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia che si chiude oggi a Milano. Aldo Quattrone succede a Giancarlo Comi, Direttore del Dipartimento di Neurologia e Istituto di Neurologia Sperimentale Università Vita - Salute San Raffaele di Milano, che ha diretto e presieduto la SIN negli ultimi due anni. -SCOPERTO UN MECCANISMO RESPONSABILE DELL2019 IPERTENSIONE. STUDIO TELETHON, SAN RAFFAELE, TEAM UNIVERSITA' SVIZZERA Dalla ricerca su una rara patologia del rene arriva un suggerimento importante su come affrontare l'ipertensione arteriosa, fattore di rischio per il sistema circolatorio che solo in Italia riguarda un terzo della popolazione adulta. Lo studio, finanziato da Telethon e pubblicato su Nature Medicine dal team di Luca Rampoldi dell2019Istituto Telethon Dulbecco presso l2019Istituto San Raffaele di Milano ha messo in luce un meccanismo che collega l'uromodulina, proteina presente nelle urine, a un rischio maggiore di sviluppare l'ipertensione arteriosa e il danno renale. I ricercatori si sono chiesti in che modo un alto livello di espressione del gene dell'uromodulina potesse portare a un aumento del rischio di sviluppare ipertensione o danno renale nel corso della vita.

4 MIN2013 NOV 5
Comments
podcast salutedomani-sclerosi-multipla-influenza-telethon-

podcast salutedomani-generici-eccipienti-halloween-humanitas

FARMACI GENERICI E BRAND: LE DIFFERENZE NEGLI ECCIPIENTI Intervista al prof. Luca Gallelli, Professore di Farmacologia Clinica presso l'Università di Catanzaro. Gli eccipienti sono sostanze utili a veicolare il farmaco all'interno dell'organismo. Esistono lavori che documentano come questi eccipienti giochino un ruolo importante, in tutte le tappe farmacocinetiche, nell'assorbimento e nella distribuzione del farmaco e soprattutto per l' escrezione e il passaggio nei compartimenti biologici. non si può pensare che non abbiano un ruolo. Lo rivestono anche per le interazioni farmacologiche e la tossicità, poichè i pazienti possono esser allergici a un farmaco ma in realtà ciò non dipende dal principio attivo, piuttosto proprio dagli agli eccipienti. E' quanto accade per la saccarina che ha un'allergia crociata con i sulfamidici. Lo stesso può accadere per i soggetti diabetici, per i quali glucosio e saccarosio non dovrebbe esser somministrato. E poi c'è l'intolleranza al lattosio, altro eccipiente, o dell'aspartame per i soggetti con fenilchetonuria, o l'amido di frumento per i celiaci. Gli eccipienti quindi hanno un ruolo per efficacia e sicurezza del farmaco, cioè lo sviluppo di effetti collaterali. Forse non in tutti i pazienti ma per quanti hanno già intolleranze o patologie che possono esser anche di natura genetica. Interviste ad altri esperti sui farmaci generici e i farmaci di marca sono nel canale SalutedomaniTV di Youtube STAMINALI: DALLA PELLE CELLULE PER IL CERVELLO, SPERANZA ITALIANA CONTRO LA SCLEROSI MULTIPLA Cellule della pelle ringiovanite fino allo stadio di bambine, riprogrammate e trasformate in staminali del cervello da trapiantare nel paziente per rigenerare tessuti nervosi lesionati. Il tutto senza alcun rischio di rigetto. Parla italiano la nuova speranza di cura contro le malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale, per esempio la sclerosi multipla. Lo studio è pubblicato su 'Nature Communications' dai ricercatori dell'Istituto di neurologia sperimentale (Inspe) dell'Irccs San Raffaele di Milano, coordinati da Gianvito Martino. Un lavoro condotto in collaborazione con il gruppo guidato dalla scienziata-senatrice a vita Elena Cattaneo all'università degli Studi di Milano. In topi malati di sclerosi multipla, i ricercatori hanno dimostrato la capacità delle staminali cerebrali ottenute dalla pelle di ricostruire la mielina danneggiata. CINEMA IN CORSIA, ALL'HUMANITAS MILANO LA PRIMA SALA PER I PAZIENTI E' una sala cinematografica a tutti gli effetti, con 65 posti a sedere, schermo hi-tech e un calendario settimanale di prime visioni. L2019inedita è l'Istituto clinico Humanitas di Rozzano, alle porte di Milano, prima struttura sanitaria italiana a portare il grande cinema in corsia. Si comincia oggi mercoledi' 30 ottobre e ad aprire la programmazione, promossa da MediCinema Italia in collaborazione con Fondazione Humanitas, è un'anteprima: la commedia 'Questione di tempo' , che sarà nelle sale dal 7 novembre. Il primo 'cinema ospedaliero' accoglierà i pazienti dell'Humanitas e i loro familiari. Già definiti gli appuntamenti settimanali fino a gennaio, con il supporto delle case di distribuzione cinematografica.La sala dell'Humanitas include anche posti speciali per pazienti in carrozzina o allettati. HALLOWEEN: ATTENZIONE A COLORI VIETATI E SOSTANZE TOSSICHE Facce da vampiro, mostro o strega possono costare dermatiti e reazioni allergiche ai grandi e piccoli fan di Halloween. Il problema dei trucchi per la notte delle streghe è legato ai prodotti low cost, che possono contenere emulsionanti ma anche colori non ammessi, sostanze tossiche pericolose soprattutto per i bambini, la cui pelle è più sensibile. Fidarsi del distributore non basta. Bisognerebbe controllare attentamente colori e composizione. L'ideale sarebbe usare trucchi con colori di origine vegetale o alimentare, oppure rivolgersi ad aziende che fanno prodotti per cinema e teatro. Bene anche matite, ombretti e

5 MIN2013 NOV 1
Comments
podcast salutedomani-generici-eccipienti-halloween-humanitas

podcast salutedomani-vaccino-meningite-anmar-celiachia-aifa

-MENINGITE, VACCINO MADE IN ITALY Dopo il via libera da parte della Commissione Europea lo scorso gennaio, è arrivata anche l'autorizzazione dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) all'immissione in commercio di Bexsero, il nuovo vaccino multicomponente Novartis contro il meningococco di sierogruppo B . La meningite meningococcica è un'infezione batterica e la principale causa di meningite in Europa, soprattutto tra i neonati, la fascia d'età più esposta al meningococco B (MenB). Indicato per l'immunizzazione a partire dai due mesi di età, il vaccino Novartis contro il MenB, è il risultato di oltre venti anni di ricerca d'avanguardia nello sviluppo dei vaccini presso i laboratori di Siena. -IN VACANZA CON LE MALATTIE REUMATICHE Come affrontare le prossime vacanze estive, quali medicinali portare con sé, come conservarli. In soccorso di chi soffre per le malattie reumatiche arrivano i consigli di Anmar onlus, l'associazione malati reumatici, in occasione del congresso europeo Eular a Madrid. Dieci regole, utili in molti casi anche a quanti sono alle prese con altre patologie, «per non farsi trovare impreparati davanti alle emergenze e soprattutto per godere di una piacevole vacanza- spiega Gabriella Voltan, presidente Anmar- in particolare, a chi sceglie come destinazione il mare si raccomandano non più di venti minuti di esposizione al sole, perché il calore generato dai raggi può riacutizzare i sintomi infiammatori. -EUROPA 'DECLASSA' I CELIACI L'Europa ha 'declassato' i celiaci dai gruppi di consumatori le cui esigenze nutrizionali debbano essere particolarmente tutelate e così AIC avverte: è pericoloso sottoporsi a diete di esclusione fai da te perché i veri casi di celiachia potrebbero restare senza diagnosi, esponendosi a rischi. Secondo alcuni la sensibilità al glutine sarebbe presente nel 6% della popolazione, ma non si tratta di stime realistiche perché i numeri derivano da studi condotti su pazienti di ambulatori gastroenterologici, per cui 'selezionati' e non rappresentativi della popolazione generale. -ALLERGIE RADDOPPIATE IN 10 ANNI Arrivano le prime linee guida al mondo per i pazienti con allergie a uno o più cibi, che sono 17 milioni nei Paesi europei e ben 2 milioni nella sola Italia, di cui oltre 500.000 con meno di 18 anni. Per la prima volta una società scientifica sottopone le sue Linee Guida a una consultazione pubblica sul web nel sito dell'accademia europea delle allergie EAACI, aprendosi per dieci giorni ai commenti e i consigli della comunità.

4 MIN2013 JUL 7
Comments
podcast salutedomani-vaccino-meningite-anmar-celiachia-aifa

Latest Episodes

podcast salutedomani-sla-roche-fibrosi-svizzera-staminali

-SLA: Scoperta diagnosi precoce. Studio Istc-CNR, Molinette, Irmet Dimostrata per la prima volta la possibilità di diagnosticare precocemente la Sla con un esame di tomografia ad emissione di positroni (Pet) mediante un tracciante analogo al glucosio (18F-Fdg) utilizzato nella pratica clinica dai centri di medicina nucleare. A raggiungere il risultato, pubblicato sulla rivista 'Neurology', un gruppo di ricerca italiano che coinvolge l’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Istc-Cnr) di Roma. Hanno collaborato il Centro Pet Irmet di Torino e il Centro SLA dell’Azienda ospedaliero universitaria Città della salute e della scienza e Dipartimento di neuroscienze dell’Università degli Studi di Torino. Questa tecnica permette di raggiungere un’accuratezza diagnostica del 95% e rappresenta un passo importante per lo sviluppo nella diagnosi precoce della malattia. Finora poteva essere diagnosticata esclusivamente attraverso l’indagine clinica e con il supporto di metodiche neurofisiologiche e pertanto richiedeva un lungo periodo di osservazione. L’accelerazione e la maggiore accuratezza della diagnosi di Sla sono fondamentali oltre che per la certezza di reclutare nei trial clinici pazienti con diagnosi confermata anche per lo sviluppo di nuove terapie e per l’identificazione di possibili familiarità sulle quali intervenire precocemente. -Fibrosi polmonare idiopatica: Roche compra InterMune per 8,3 miliardi di dollari Roche ha acquistato per 8,3 miliardi di dollari il gruppo InterMune. L'acquisto è di 74 dollari per azione. L'offerta è un premio del 38% rispetto al prezzo di chiusura di InterMune di venerdì scorso e del 63% rispetto a quello del 12 agosto. InterMune è una società di biotecnolgia con sede a Brisbane, California, focalizzata sulla ricerca, sviluppo e commercializzazione di terapie innovative in pneumologia e malattie fibrotiche; permetterà a Roche di ampliare e rafforzare il proprio portafoglio nell'area respiratoria a livello globale. Pirfenidone è il prodotto principale di Intermune, terapia per la fibrosi polmonare idiopatica (IPF), malattia progressiva, irreversibile e infine fatale, caratterizzata da progressiva perdita della funzione polmonare a causa di fibrosi o cicatrici. -Suicidio assistito: aumentano i casi di stranieri in Svizzera. 500% in piu' gli italiani in 4 anni Aumentano i casi di suicidio assistito in Svizzera di persone non residenti nel paese Elvetico. Si tratta di casi anche non legati a malattie fatali. Lo afferma uno studio dell'Università di Zurigo e del Centro di Psichiatria di Münsingen, pubblicato sul 'Journal of Medical Ethics'. Aumenti evidenti in particolare per l'Italia, dove si è passati dai 4 casi del 2008 ai 22 del 2012 e in Francia (7 casi nel 2009 e 19 nel 2012). Il numero di 'turisti per il suicidio assistito' è raddoppiato nell'arco di appena quattro anni, specialimente di persone provenienti dalla Germania e dal Regno Unito, per malattie neurologiche come paralisi, sclerosi laterale amiotrofica, Parkinson, sclerosi multipla. Queste malattie rappresentano la maggior parte dei casi riportati. Le malattie neoplastiche si fermano al 37% dei casi tra il 2008 e il 2012, un 10% in meno rispetto al passato. Le malattie reumatiche e del tessuto connettivo, come l'artrite reumatoide e l'osteoporosi, sono il 25% dei casi analizzati contro il 10 % di quelli registrati tra il 1990 e il 2000, seguono quelle cardiovascolari. Il 28% dei casi riporta più di una malattia per la scelta del suicidio assistito. La ricerca mostra che 611 non residenti in Svizzera sono stati aiutati a morire tra il 2008 e il 2012 con un'età compresa tra i 23 e i 97 anni e una media di 69 anni. Il 58,5% è donna. In tutto quindi si sono rivolti alla Svizzera i malati di 31 nazioni tra il 2008 e il 2012: 268 dalla Germania, 126 dal Regno Unito, 66 dalla Francia, 44 dall'Italia, 21 dagli USA, 13 dall'Austria, 12 dal Canada, 8 da Spagna e Israele.

5 MIN2014 AUG 25
Comments
podcast salutedomani-sla-roche-fibrosi-svizzera-staminali

podcast salutedomani-cheratosi-orticaria-diabete-avanafil

-CHERATOSI ATTINICA: PRONTA GUARIGIONE CON IL GEL Un ciclo di terapia di due o tre giorni con un’unica somministrazione topica quotidiana, per trattare rapidamente le lesioni da cheratosi attinica, malattia della cute di cui soffrono milioni di persone in Italia e nel mondo soprattutto dopo i 40 anni. Arriva in Italia il gel a base di ingenolo mebutato, frutto dell’impegno di LEO Pharma, contro questa «forma di carcinoma allo stadio iniziale o “in situ”; le lesioni attiniche sono molto antiestetiche e ciascuna potenzialmente pericolosa perché a rischio di evoluzione maligna», afferma prof. Giampiero Girolomoni, Direttore della Clinica Dermatologica dell’Università degli Studi di Verona. La cheratosi attinica è ancora poco conosciuta e sotto-diagnosticata nonostante le lesioni possano progredire nel più frequente tumore della pelle non-melanoma, ovvero il carcinoma squamocellulare invasivo (SCC). Il farmaco è rimborsato dal Sistema Sanitario Nazionale. -ORTICARIA, OK DALL’EUROPA PER OMALIZUMAB La Commissione Europea ha approvato l’utilizzo di omalizumab come terapia aggiuntiva per il trattamento dell’orticaria cronica spontanea nei pazienti adulti e adolescenti con risposta inadeguata al trattamento con antistaminici H1. La dose approvata è di 300 mg per iniezione sottocutanea ogni 4 settimane. «Il trattamento con questo anticorpo monoclonale è efficace per il controllo dei sintomi in quei pazienti che non rispondono alla terapia tradizionale con antistaminici. E’ un grande passo avanti nella cura», afferma il Prof. Paolo Pigatto, Presidente SIDAPA (Società Italiana Dermatologia Allergologica Professionale e Ambientale) in occasione del Convegno ‘Skin to live in’ di Barcellona. Si stima che la prevalenza dell’orticaria cronica nella popolazione mondiale raggiunga l’1%, e fino a due terzi di questi pazienti soffrano della forma spontanea, patologia cutanea grave e logorante, caratterizzata dalla presenza sulla pelle di lesioni o pomfi rossi, gonfi, pruriginosi e talvolta dolorosi, che insorgono e ricorrono spontaneamente per oltre 6 settimane. -“OCCHIO AL DIABETE”, CAMPAGNA CONTRO LE COMPLICANZE OCULARI Prendere coscienza dei possibili rischi che il diabete può generare alla vista. E' l'obiettivo di 'Occhio al Diabete', la campagna promossa da Diabete Italia, dedicata a informare la popolazione sulle complicanze oculari, in particolare sulla retinopatia e l'edema maculare. Il tutto si articola in diverse iniziative, tra cui il sito www.occhioaldiabete.it , e il libretto 'Detto da Noi', con le linee guida per la prevenzione e la diagnosi precoce. Sono inoltre previste locandine e materiale informativo per i centri di diabetologia. «In un paese come l’Italia, dove esistono diverse realtà sanitarie e assistenziali, una campagna informativa come la nostra diventa indispensabile per rendere il paziente più esperto e sensibile anche alle complicanze cui possono essere soggetti organi importanti come gli occhi», afferma Salvatore Caputo, Presidente di Diabete Italia. Due sono i fattori di rischio che influiscono maggiormente sulla manifestazione della patologia: il tempo trascorso dall’insorgenza del diabete (quanto più a lungo si soffre di diabete, tanto più alta è la probabilità di soffrire di complicanze retiniche) e lo scarso controllo della glicemia e della pressione. Gli specialisti consigliano il controllo della retina ogni due anni, mentre in presenza di retinopatia deve essere continuativo ed eseguito a cadenza almeno annuale; quindi l'Esame del fondo oculare, fluorangiografia e OCT. -ARRIVA ‘LA PILLOLA DELL’AMORE SENZA ATTESA’ Un'efficacia prolungata, che si mantiene per oltre 6 ore dall'assunzione e che inizia ad agire entro 15 minuti; riduzione della possibilità di comparsa di effetti collaterali e una minor probabilità di interazioni con medicinali e cibi; dosaggi che non vanno “aggiustati” in caso di pazienti anziani, con diabete o con insufficienza renale. Tante caratteristiche per rendere la vi

4 MIN2014 APR 23
Comments
podcast salutedomani-cheratosi-orticaria-diabete-avanafil

podcast salutedomani-menarini-rene-lilly-diabete-msd-obesita

-Leucemia, Studio Florence: Febuxostat, “farmaco-spazzino” riduce i danni da chemioterapia Ogni anno sono oltre 25.000 gli italiani che devono fare i conti con tumori ematologici come leucemie e linfomi, guaribili oggi nel 70 % dei casi, ma che espongono al rischio di uno degli effetti collaterali più temibili della chemioterapia, la cosiddetta sindrome da lisi tumorale che si verifica quando tante cellule neoplastiche, distrutte dai farmaci, liberano nell'organismo sostanze tossiche per i reni, in particolare acido urico. Questo problema riguarda circa il 3-20% dei malati con tumori ematologici, ma l'incidenza sale fino al 30% negli under 18. Prevenire la lisi, che può provocare insufficienza renale in circa il 30% dei casi e nel 5% dei pazienti essere addirittura mortale, potrebbe presto diventare più semplice con febuxostat, un farmaco già ampiamente usato per ridurre l’acido urico nei malati di gotta: febuxostat, sicuro e ben tollerato, fin dal primo giorno di trattamento si comporta come uno “spazzino” diminuendo di circa il 30% i livelli di acido urico nel sangue rispetto all'allopurinolo, il farmaco impiegato ormai da trent'anni. Lo dimostrano i dati preliminari dello studio FLORENCE (Febuxostat for tumor Lysis syndrOme pREvention iN hematologiC malignanciEs), la più ampia sperimentazione clinica internazionale mai condotta in questo ambito, presentati oggi in anteprima a Firenze, la città dove lo studio è stato disegnato, con un investimento di circa 50 milioni di euro per l’intero programma di sviluppo di Febuxostat nella sindrome da lisi tumorale. -Negli ultimi 4 anni persi 1700 posti di specializzazione “In Italia negli ultimi 4 anni abbiamo perso 1.700 posti destinati alle scuole di specializzazione. I posti sono circa la metà di quelli necessari. Siamo in controtendenza rispetto al resto dell'Europa e del mondo che richiede specializzazione e cultura per la scienza. Rischiamo di laureare ottimi professionisti ma perdere tutti i potenziali scienziati e innovatori”. Lo ha dichiarato Andrea Lenzi, Presidente del Consiglio universitario nazionale, Cun, Ordinario di endocrinologia alla Sapienza Università di Roma in occasione dell’appuntamento annuale che ha avuto luogo oggi in Senato, promosso dalla Fondazione Lilly nell’ambito del progetto “La Ricerca in Italia: un’Idea per il Futuro”. L’iniziativa, arrivata ormai alla sua sesta edizione, è tesa a favorire la cultura della ricerca in Italia proponendo un nuovo modello basato su meritocrazia, trasparenza e valorizzazione economica. Anche quest’anno la Fondazione Lilly ha confermato il suo impegno assegnando una borsa di studio a un giovane ricercatore e aprendo il nuovo bando di ricerca. -Diabete: Ridurre il rischio di ipoglicemia Campagna MSD “L’educazione innanzitutto” Per le persone con diabete, la gestione delle crisi ipoglicemiche è un obiettivo imprescindibile, di cui spesso il paziente è poco a conoscenza e per il quale è necessaria una consapevolezza più diffusa.A 7 anni dal lancio di sitagliptin, MSD Primary Care Diabete presenta “L’educazione innanzitutto”, un nuovo progetto educazionale che ha come obiettivo quello di informare sulla consapevolezza del problema ipoglicemia, sulle complicanze ad essa associate e sul ruolo della sua corretta gestione. La campagna prende avvio con il lancio di un cortometraggio, interpretato dagli attori Enzo Decaro e Marta Zoffoli, che pone l’accento sui rischi che derivano dal sottovalutare l'ipoglicemia. Il cortometraggio si rivolge alle persone con diabete con la finalità educazionale di far comprendere cosa sia l'ipoglicemia e quali siano le complicanze ad essa associate. Il corto vuole inoltre essere uno spunto di riflessione per i medici e gli esperti di diabetologia circa l'importanza della consapevolezza da parte dei pazienti del problema ipoglicemia e la necessità di una sua corretta gestione. -Un palloncino per ridurre la fame In Italia il 25% dei bambini è in sovrappeso, mentre il

5 MIN2014 FEB 15
Comments
podcast salutedomani-menarini-rene-lilly-diabete-msd-obesita

podcast salutedomani-tumore-favo-epac-amd-sid-anmco-diabete

-TUMORE, AL VIA LA CARTA EUROPEA DEI DIRITTI DEL MALATO Nasce la Carta Europea dei Diritti del Malato di Cancro. È presentata oggi in occasione della Giornata mondiale contro il Cancro, a Strasburgo, con la partecipazione del Commissario Europeo per la Salute, Tonio Borg. Il documento è realizzato grazie ad una forte alleanza tra associazioni di pazienti (European Cancer Patients Coalition - ECPC) ed esperti in ricerca, innovazione e advocacy del “pianeta cancro” (European Cancer Concord – ECC), con il sostegno condiviso dell’Associazione degli Europarlamentari contro il cancro (MAC). La Carta è una vera e propria chiamata alle armi delle istituzioni europee e nazionali per un impegno concreto nell’affrontare l’epidemia di cancro che colpisce l’Europa e che porterà alla morte di 1 malato ogni 10 secondi nei prossimi 20-25 anni. In Italia nel 2013 sono state registrate 366mila nuove diagnosi e 173mila decessi. L’Italia ha contribuito concretamente alla redazione della Carta Europea dei Diritti del Malato di Cancro grazie al lavoro della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) e dell’Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici (AIMaC). La Carta Europea dei Diritti del Malato di Cancro è uno Statuto del Paziente che punta a risolvere le diseguaglianze che le persone affette da neoplasie affrontano ogni giorno in Europa, principalmente legate a status socioeconomico, età anagrafica, accesso a cure di qualità e mancanza di un Piano Oncologico Nazionale. Il cancro pesa sull’economia di tutto il mondo per un valore complessivo che sfiora i 1.000 miliardi di Euro, cosa che ne fa la malattia numero 1 in termini di prosciugamento delle risorse finanziare globali. -EPATITE C: SI PUO’ GUARIRE. CAMPAGNA EPAC E' partita oggi la campagna nazionale: “Epatite C – Le novità ci sono. Informati adesso”, promossa da EpaC Onlus, con l’obiettivo di sensibilizzare i pazienti con Epatite C affinché si informino sulle attuali opportunità di cura della patologia presso la rete dei Centri specialistici autorizzati dall’AIFA. L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di persone positive al virus dell’Epatite C: circa il 3% della popolazione italiana è entrata in contatto con l’HCV. Si stima che i portatori cronici siano almeno 1,6 milioni, di cui 330.000 con cirrosi epatica. Di questi, ogni anno, circa 20.000 muoiono per malattie croniche del fegato causate dall’Epatite C. Si tratta di una malattia subdola perché nella maggior parte dei casi rimane asintomatica per anni o addirittura per decenni, ma silenziosamente il virus lavora, provocando gravi danni al fegato. Quasi la metà dei pazienti può sviluppare cirrosi nell’arco di 25-40 anni, altri possono sviluppare manifestazioni extraepatiche, come vasculiti e danni renali fino ad arrivare all’epatocarcinoma e al trapianto. È importante eradicare il virus prima che si sviluppino questi elementi di gravità clinica. -DIABETE, LA DISINFORMAZIONE UCCIDE. APPELLO SID - AMD Le Società Scientifiche e Professionali di Diabetologia e le Associazioni delle persone con diabete denunciano come, con sempre maggiore insistenza, vengano presentate al pubblico e alle persone con diabete sulla rete e sui giornali ‘soluzioni’ miracolistiche, in larga parte basate su diete drastiche (cibi crudi, diete alcaline, vegetariane o altro), con la promessa di ‘guarire’ in pochi giorni il diabete e di abbandonare le terapie farmacologiche, inclusa l’insulina. La comunità scientifica nazionale e internazionale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e lo stesso Ministero della Salute da decenni sostengono a chiare lettere che la migliore prevenzione del diabete mellito è e rimane una sana igiene di vita (regolare attività fisica, dieta equilibrata e sana, moderato consumo di alcool e abolizione del fumo). Il fatto che la dieta sia un pilastro fondamentale del trattamento del diabete è un dato indiscutibile e irrinunciabile. Il problema nasce quando la terapia

5 MIN2014 FEB 5
Comments
podcast salutedomani-tumore-favo-epac-amd-sid-anmco-diabete

podcast salutedomani-cefalea-doctor-plus-incontinenza-tumore

-CEFALEE CRONICHE: CRESCE L’ABUSO DI ANTIDOLORIFICI TRA GLI ADOLESCENTI L’emicrania è la malattia neurologica genetica più diffusa tra i piccoli. In Italia colpisce circa 10 bambini su 100. Il suo sintomo più conosciuto, la cefalea o mal di testa, tipico anche di altre patologie, in età pediatrica ha un’incidenza ancora più alta: ne soffre oltre il 40% dei ragazzi. E proprio tra gli adolescenti aumentano anche i casi di mal di testa cronici dovuti all’abuso di antidolorifici usati impropriamente come terapia. Lo segnala il Centro Cefalee dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che segue ogni anno oltre 1500 pazienti, 750 dei quali in day hospital. “In caso di cefalee ricorrenti la prima cosa da fare –affermano gli esperti del Centro Cefalee del Bambino Gesù - è rivolgersi al pediatra di famiglia per provare a capire se il mal di testa è espressione di emicrania (è così nel 60% dei casi), o sintomo di altre malattie come le infezioni delle vie aeree o di patologie cerebrali potenzialmente serie. Il secondo passo è contattare un Centro specializzato”. Intanto aumentano i casi di abuso (più di 15 dosi al mese) di antidolorifici tra gli adolescenti che soffrono di mal di testa cronico quotidiano. “Questo trend in crescita è dovuto a un utilizzo improprio dell’antidolorifico come “cura”, favorito anche dalla tendenza delle famiglie all’autoprescrizione e all’autogestione dei farmaci”. -TELEMEDICINA, DOCTOR PLUS E’ NUOVA PAGINA DELL’INNOVAZIONE IN SANITA’ Misurazioni a domicilio di alcuni parametri (glicemia, peso corporeo, pressione) con i dati che vengono inviati tramite Bluetooth a una centralina che li raccoglie e li invia a una piattaforma che utilizza il cloud, una sorta di «nuvola» telematica che consente al medico di base, allo specialista e agli infermieri di avervi subito accesso e monitorare lo stato di salute del paziente sei giorni su sette e 12 ore su 24, contattandolo per offrire consigli e suggerimenti nel caso i valori superino una certa soglia limite. La conferma del successo di una simile organizzazione (sotto l’egida delle Asl e senza costo per i pazienti) arriva dal più importante studio di telemedicina mai realizzato in Italia, che ha coinvolto per dodici mesi circa trecento persone diabetiche monitorati attraverso “Doctor Plus”, innovativo servizio telematico di monitoraggio remoto dedicato ai pazienti cronici con diabete, Bpco, e scompenso cardiaco realizzato da MSD Italia. Lo studio, effettuato nel Lazio e in Toscana, è stato coordinato dalla Fondazione Mario Negri Sud . I risultati: miglioramento dei valori glicemici, riduzione delle complicanze, minor ricorso a prestazioni sanitarie e visite specialistiche con risparmi per il servizio sanitario nazionale. -INCONTINENZA: GIUNTA SARDEGNA VARA RETE PREVENZIONE E CURA La Sardegna è la seconda Regione in Italia (dopo il Piemonte) a dotarsi di una Rete di centri per la prevenzione, la diagnosi e la cura dell’incontinenza urinaria e fecale. “L’incontinenza – affermano dall’assessorato alla sanità - interessa, secondo gli ultimi dati disponibili, il 20-30% delle donne e il 2-11% dei maschi in età adulta; tale percentuale nelle donne sale al 32-64% durante la gravidanza e al 55% nella popolazione anziana. Complessivamente un fenomeno che in Sardegna riguarda tra le 70 e le 100mila persone. Parliamo di una patologia anche dai risvolti sociali, visto che spesso limita la vita relazionale dei pazienti”. La prima è relativa all’individuazione dei Centri: al momento ne sono stati censiti 13 di primo livello (un primo riferimento per i medici - di Medicina Generale o specialisti. Sono collocati sul territorio o in strutture ospedaliere di “prossimità” per rispondere alle esigenze dei cittadini); 12 di secondo livello (identificati come centri per fornire una gestione "specializzata" del problema e di quei casi che non hanno trovato una soluzione soddisfacente dalla gestione di primo livello. Sono attrezzati anche per una diagnostica spe

5 MIN2014 JAN 30
Comments
podcast salutedomani-cefalea-doctor-plus-incontinenza-tumore

podcast salutedomani-tiroide-rene-fibrillazione-distrofia

-IL ROBOT OPERA ALLA TIROIDE SENZA SEGNI SUL COLLO Il robot chirurgo Da Vinci, 'telecomandato' dall2019équipe dell'Unità Operativa di Chirurgia Endocrina e Metabolica del Policlinico universitario A. Gemelli di Roma, diretta dal professor Rocco Bellantone, ha eseguito un intervento senza precedenti nel Lazio e nel Sud Italia: ha operato la tiroide di una giovane paziente senza lasciare alcun segno sul suo collo. Il robot ha raggiunto la ghiandola malata attraverso l'ascella. L'intervento eseguito al Policlinico Gemelli si chiama 'Tiroidectomia robotica trans-ascellare'. Si tratta di un'operazione al momento indicata in casi selezionati. L'intervento è stato effettuato lo scorso 17 gennaio su una donna di 37 anni affetta da gozzo nodulare. La giovane è stata dimessa in ottime condizioni il giorno dopo l'operazione. La tecnica della Tiroidectomia robotica trans-ascellare, messa a punto in Corea e attualmente in via di diffusione anche nei Paesi occidentali, consente di evitare ogni cicatrice sul collo rispetto alle tecniche convenzionale e mini-invasiva, che vengono eseguite con un accesso chirurgico cervicale. Col nuovo intervento la tiroide viene infatti raggiunta dall'ascella, con un accesso chirurgico nascosto e poco visibile. Attraverso la singola incisione ascellare vengono introdotte la telecamera e gli strumenti robotici, che sono manovrati dal chirurgo comodamente seduto alla consolle. Il sistema computerizzato consente una visione tridimensionale e ingrandita, nonché un assoluto controllo dei movimenti degli strumenti robotici. Queste caratteristiche tecniche facilitano e rendono molto accurata la dissezione chirurgica, garantendo l'assoluta sicurezza dell'intervento. La tiroidectomia robotica è attualmente indicata per il trattamento della patologia tiroidea nodulare benigna. È però in corso di validazione il suo impiego per il trattamento della patologia maligna in pazienti a basso rischio. -MICRO PUNTURA CONTRO I CALCOLI RENALI NEI BAMBINI All'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è possibile polverizzare i calcoli renali nei bambini con una 'puntura' indolore. Si chiama 'Micro-perc' la nuova tecnica mini-invasiva, sperimentata con successo per la prima volta su una bambina di 11 anni, che consente, attraverso strumenti miniaturizzati, di abbattere il rischio di danni ai reni e di ridurre di oltre il 50% i tempi di ospedalizzazione rispetto ai metodi tradizionali. Considerata una malattia tipica dell'adulto, la calcolosi renale colpisce 2 bambini su 100, rappresentando un problema anche per i più piccoli. La nuova metodica si avvale di un ago sottile (da 1,6 mm) dentro il quale scorrono una finissima fibra ottica (0,9 mm) e una fibra laser (da 270 micron) con cui si riesce contemporaneamente ad avere una visione diretta dei calcoli renali e a distruggerli. Le dimensioni miniaturizzate della strumentazione riducono di molto il rischio di sanguinamento e di lesioni al rene, permettendo di trattare una buona parte di calcoli senza ricorrere alle tecniche 'classiche', molto aggressive per l'organo. -NUOVO FARMACO PER EPATITE C La Commissione Europea ha concesso l'autorizzazione per l'immissione in commercio delle compresse da 400 mg di Sovaldi (sofosbuvir), un analogo nucleotidico inibitore della polimerasi in mono-somministrazione orale giornaliera, per il trattamento dell'infezione cronica da epatite C (CHC) in soggetti adulti, in associazione con altri agenti antivirali: ribavirina (RBV) e interferone pegilato alfa (peg-IFN). L'autorizzazione giunge in seguito ad un processo di valutazione accelerato da parte dell'Agenzia Europea dei Medicinali. Sofosbuvir è stato studiato su tutti i genotipi dell'HCV 1-6. -APIXABAN PER LA FIBRILLAZIONE ATRIALE NON VALVOLARE Apixaban, anticoagulante orale inibitore diretto del fattore Xa, è ora rimborsato in Italia anche per la prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica nei pazienti adulti affetti da Fibrillazione Atriale Non Valvolare (FANV) che presentin

5 MIN2014 JAN 22
Comments
podcast salutedomani-tiroide-rene-fibrillazione-distrofia

podcast salutedomani-sclerosi-antibiotici-probiotici-fibrosi

-RESISTENZA ANTIBIOTICI: SFIDA AI SUPERBATTERI. ARRIVA NUOVA CEFALOSPORINA Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae: hanno tutti il nome latino, sono piccoli esseri microscopici monocellulari e possono sviluppare resistenze ai principali antibiotici, diventando così pericolosi e di difficile gestione. Meglio conosciuti come 'superbatteri' o 'batteri killer', questi germi resistenti ai farmaci causano circa 400 mila infezioni e 25 mila morti ogni anno solo in Europa, con un impatto economico che si stima di 1,5 miliardi di euro tra spese sanitarie e perdita di produttività. Oggi arriva in Italia un antibiotico di nuova generazione efficace contro ceppi batterici resistenti e difficili da trattare: ceftarolina fosamil è la prima cefalosporina efficace anche contro MRSA, lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina che in Italia è considerato un vero problema di salute pubblica; ha un'incidenza del 38% (doppia rispetto alla media europea) e provoca ogni anno più di 52 mila casi di infezioni complicate della cute. Approvato per il trattamento delle infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (cSSTI) e per la polmonite acquisita in comunità (CAP). -FIBROSI CISTICA, PROGETTO L.IN.F.A. : ADOLESCENTI E GENITORI A CONFRONTO Presentati a Milano i risultati di L.IN.F.A. il primo laboratorio interattivo che pone al centro della ricerca l'adolescente (13 - 18 anni) con la Fibrosi Cistica e le loro famiglie con l2019obiettivo di valutare i fattori psicologici, clinici e relazionali che influenzano la qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie. La ricerca è stata realizzata da DoxaPharma con il supporto di Abbott e il patrocinio di LIFC (Lega Italiana Fibrosi Cistica) e SIFC (Società Italiana Fibrosi Cistica). Ha coinvolto 17 centri per la Fibrosi Cistica per un totale di 168 ragazzi (52% femmine, 48% maschi) e 225 genitori (59% madri, 41% padri). I ragazzi intervistati tendono a restituire un vissuto di normalità nelle relazioni con gli altri, anche se circa 1 paziente su 3 dichiara di sentirsi differente dalle altre persone della propria età e 1 su 4 talvolta incompreso dai propri coetanei; spesso la propria diversità è accentuata dalla necessità di assumere la terapia in pubblico, motivo di imbarazzo e vergogna per più della metà degli intervistati. -PROBIOTICI PER LE COLICHE INFANTILI Semaforo verde per il probiotico Lactobacillus reuteri come aiuto per le coliche infantili ma solo se i neonati sono allattati al seno. L'indagine, condotta dal Murdoch Childrens research institute and Royal Children's hospital in Australia su 12 studi clinici, ha coinvolto oltre 1.800 bambini da zero a tre mesi di età allattati con latte artificiale o al seno. Pubblicata su Jama Pediatrics, complessivamente dimostra che la metà degli studi confermano l'efficacia dei probiotici nel calmare il pianto e i mal di pancia dei piccoli quando sono nutriti esclusivamente al seno. Solo una ricerca dimostra una possibile efficacia quando si usa il biberon. Come tutti i probiotici, L. reuteri è un batterio amico non patogeno. Ciò significa che esercita solo ed esclusivamente funzioni benefiche nell2019organismo umano, ristabilendo un giusto equilibrio nella microflora intestinale. Analizzando la flora intestinale dei gruppi di lattanti trattati, si è visto che la somministrazione del lactobacillo favorisce un aumento delle specie batteriche benefiche a scapito di microrganismi patogeni. Inoltre si ipotizza un possibile ruolo sia nella regolazione dei movimenti della peristalsi intestinale sia nella percezione del dolore. -BOLLINI ROSA PER I CENTRI DI SCLEROSI MULTIPLA Sono 94 i centri ospedalieri italiani certificati 'a misura di donna' per la cura della sclerosi multipla che hanno ottenuto i Bollini Rosa e sono stati premiati nel corso di una cerimonia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi. Il riconoscimento viene attribuito dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute dell

5 MIN2013 DEC 4
Comments
podcast salutedomani-sclerosi-antibiotici-probiotici-fibrosi

podcast salutedomani-sclerosi-multipla-influenza-telethon-

-INFLUENZA, AL VIA LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE NELLA REGIONE LAZIO E'partita la campagna di vaccinazione anti-influenzale promossa dalla Regione Lazio. E' rivolta alle persone che hanno maggiori rischi di contagio del virus: - anziani sopra i 65 anni - bimbi sopra i sei mesi - adulti con patologie particolari, come ad esempio malattie cardiache e respiratorie, insufficienza renale, diabete, tumori e immunosoppressione causata da HIV. Per questa iniziativa, infatti, la Regione ha investito 12 milioni di euro. L'obiettivo è quello di raggiungere il 75% dei soggetti a rischio, risultato che verrà centrato grazie al coinvolgimento del medici di medicina generale. -SCLEROSI MULTIPLA: MIGLIORATE DEAMBULAZIONE E QUALITA2019 DI VITA CON FAMPRIDINA Presentati al Congresso della SIN - Società Italiana di Neurologia (Milano, 2 - 5 novembre 2013) i risultati preliminari dello studio ENABLE che ha valutato gli effetti del trattamento a lungo termine con fampridina a rilascio prolungato sulla mobilità e sulla qualità della vita dei pazienti affetti da Sclerosi Multipla (SM). Lo studio ha dimostrato che nei pazienti con Sclerosi Multipla che presentano difficoltà di deambulazione la fampridina a rilascio prolungato determina un miglioramento statisticamente significativo della funzionalità fisica, dell'abilità a compiere attività quotidiane, nonché delle condizioni psicologiche dei pazienti e della loro qualità di vita: benefici evidenti già dopo 12 settimane e che si sono mantenuti per tutto il periodo di osservazione. ENABLE è uno studio multicentrico della durata di 48 settimane condotto in Europa, Canada e Australia in 85 centri, tra cui 5 italiani: l'Ospedale San Raffaele di Milano, l'Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova, l'Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze, l'Ospedale S. Andrea di Roma, l'Azienda Ospedaliera Universitaria di Bari. Sono stati coinvolti 901 pazienti, di cui 78 italiani, prendendo in osservazione tutte le diverse forme di SM. -NUOVO PRESIDENTE PER LA SOCIETA2019 ITALIANA DI NEUROLOGIA (SIN) Aldo Quattrone, Professore Ordinario di Neurologia e Rettore dell'Università Magna Grecia di Catanzaro, è il nuovo Presidente della Società Italiana di Neurologia. La proclamazione è avvenuta in occasione del 44° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia che si chiude oggi a Milano. Aldo Quattrone succede a Giancarlo Comi, Direttore del Dipartimento di Neurologia e Istituto di Neurologia Sperimentale Università Vita - Salute San Raffaele di Milano, che ha diretto e presieduto la SIN negli ultimi due anni. -SCOPERTO UN MECCANISMO RESPONSABILE DELL2019 IPERTENSIONE. STUDIO TELETHON, SAN RAFFAELE, TEAM UNIVERSITA' SVIZZERA Dalla ricerca su una rara patologia del rene arriva un suggerimento importante su come affrontare l'ipertensione arteriosa, fattore di rischio per il sistema circolatorio che solo in Italia riguarda un terzo della popolazione adulta. Lo studio, finanziato da Telethon e pubblicato su Nature Medicine dal team di Luca Rampoldi dell2019Istituto Telethon Dulbecco presso l2019Istituto San Raffaele di Milano ha messo in luce un meccanismo che collega l'uromodulina, proteina presente nelle urine, a un rischio maggiore di sviluppare l'ipertensione arteriosa e il danno renale. I ricercatori si sono chiesti in che modo un alto livello di espressione del gene dell'uromodulina potesse portare a un aumento del rischio di sviluppare ipertensione o danno renale nel corso della vita.

4 MIN2013 NOV 5
Comments
podcast salutedomani-sclerosi-multipla-influenza-telethon-

podcast salutedomani-generici-eccipienti-halloween-humanitas

FARMACI GENERICI E BRAND: LE DIFFERENZE NEGLI ECCIPIENTI Intervista al prof. Luca Gallelli, Professore di Farmacologia Clinica presso l'Università di Catanzaro. Gli eccipienti sono sostanze utili a veicolare il farmaco all'interno dell'organismo. Esistono lavori che documentano come questi eccipienti giochino un ruolo importante, in tutte le tappe farmacocinetiche, nell'assorbimento e nella distribuzione del farmaco e soprattutto per l' escrezione e il passaggio nei compartimenti biologici. non si può pensare che non abbiano un ruolo. Lo rivestono anche per le interazioni farmacologiche e la tossicità, poichè i pazienti possono esser allergici a un farmaco ma in realtà ciò non dipende dal principio attivo, piuttosto proprio dagli agli eccipienti. E' quanto accade per la saccarina che ha un'allergia crociata con i sulfamidici. Lo stesso può accadere per i soggetti diabetici, per i quali glucosio e saccarosio non dovrebbe esser somministrato. E poi c'è l'intolleranza al lattosio, altro eccipiente, o dell'aspartame per i soggetti con fenilchetonuria, o l'amido di frumento per i celiaci. Gli eccipienti quindi hanno un ruolo per efficacia e sicurezza del farmaco, cioè lo sviluppo di effetti collaterali. Forse non in tutti i pazienti ma per quanti hanno già intolleranze o patologie che possono esser anche di natura genetica. Interviste ad altri esperti sui farmaci generici e i farmaci di marca sono nel canale SalutedomaniTV di Youtube STAMINALI: DALLA PELLE CELLULE PER IL CERVELLO, SPERANZA ITALIANA CONTRO LA SCLEROSI MULTIPLA Cellule della pelle ringiovanite fino allo stadio di bambine, riprogrammate e trasformate in staminali del cervello da trapiantare nel paziente per rigenerare tessuti nervosi lesionati. Il tutto senza alcun rischio di rigetto. Parla italiano la nuova speranza di cura contro le malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale, per esempio la sclerosi multipla. Lo studio è pubblicato su 'Nature Communications' dai ricercatori dell'Istituto di neurologia sperimentale (Inspe) dell'Irccs San Raffaele di Milano, coordinati da Gianvito Martino. Un lavoro condotto in collaborazione con il gruppo guidato dalla scienziata-senatrice a vita Elena Cattaneo all'università degli Studi di Milano. In topi malati di sclerosi multipla, i ricercatori hanno dimostrato la capacità delle staminali cerebrali ottenute dalla pelle di ricostruire la mielina danneggiata. CINEMA IN CORSIA, ALL'HUMANITAS MILANO LA PRIMA SALA PER I PAZIENTI E' una sala cinematografica a tutti gli effetti, con 65 posti a sedere, schermo hi-tech e un calendario settimanale di prime visioni. L2019inedita è l'Istituto clinico Humanitas di Rozzano, alle porte di Milano, prima struttura sanitaria italiana a portare il grande cinema in corsia. Si comincia oggi mercoledi' 30 ottobre e ad aprire la programmazione, promossa da MediCinema Italia in collaborazione con Fondazione Humanitas, è un'anteprima: la commedia 'Questione di tempo' , che sarà nelle sale dal 7 novembre. Il primo 'cinema ospedaliero' accoglierà i pazienti dell'Humanitas e i loro familiari. Già definiti gli appuntamenti settimanali fino a gennaio, con il supporto delle case di distribuzione cinematografica.La sala dell'Humanitas include anche posti speciali per pazienti in carrozzina o allettati. HALLOWEEN: ATTENZIONE A COLORI VIETATI E SOSTANZE TOSSICHE Facce da vampiro, mostro o strega possono costare dermatiti e reazioni allergiche ai grandi e piccoli fan di Halloween. Il problema dei trucchi per la notte delle streghe è legato ai prodotti low cost, che possono contenere emulsionanti ma anche colori non ammessi, sostanze tossiche pericolose soprattutto per i bambini, la cui pelle è più sensibile. Fidarsi del distributore non basta. Bisognerebbe controllare attentamente colori e composizione. L'ideale sarebbe usare trucchi con colori di origine vegetale o alimentare, oppure rivolgersi ad aziende che fanno prodotti per cinema e teatro. Bene anche matite, ombretti e

5 MIN2013 NOV 1
Comments
podcast salutedomani-generici-eccipienti-halloween-humanitas

podcast salutedomani-vaccino-meningite-anmar-celiachia-aifa

-MENINGITE, VACCINO MADE IN ITALY Dopo il via libera da parte della Commissione Europea lo scorso gennaio, è arrivata anche l'autorizzazione dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) all'immissione in commercio di Bexsero, il nuovo vaccino multicomponente Novartis contro il meningococco di sierogruppo B . La meningite meningococcica è un'infezione batterica e la principale causa di meningite in Europa, soprattutto tra i neonati, la fascia d'età più esposta al meningococco B (MenB). Indicato per l'immunizzazione a partire dai due mesi di età, il vaccino Novartis contro il MenB, è il risultato di oltre venti anni di ricerca d'avanguardia nello sviluppo dei vaccini presso i laboratori di Siena. -IN VACANZA CON LE MALATTIE REUMATICHE Come affrontare le prossime vacanze estive, quali medicinali portare con sé, come conservarli. In soccorso di chi soffre per le malattie reumatiche arrivano i consigli di Anmar onlus, l'associazione malati reumatici, in occasione del congresso europeo Eular a Madrid. Dieci regole, utili in molti casi anche a quanti sono alle prese con altre patologie, «per non farsi trovare impreparati davanti alle emergenze e soprattutto per godere di una piacevole vacanza- spiega Gabriella Voltan, presidente Anmar- in particolare, a chi sceglie come destinazione il mare si raccomandano non più di venti minuti di esposizione al sole, perché il calore generato dai raggi può riacutizzare i sintomi infiammatori. -EUROPA 'DECLASSA' I CELIACI L'Europa ha 'declassato' i celiaci dai gruppi di consumatori le cui esigenze nutrizionali debbano essere particolarmente tutelate e così AIC avverte: è pericoloso sottoporsi a diete di esclusione fai da te perché i veri casi di celiachia potrebbero restare senza diagnosi, esponendosi a rischi. Secondo alcuni la sensibilità al glutine sarebbe presente nel 6% della popolazione, ma non si tratta di stime realistiche perché i numeri derivano da studi condotti su pazienti di ambulatori gastroenterologici, per cui 'selezionati' e non rappresentativi della popolazione generale. -ALLERGIE RADDOPPIATE IN 10 ANNI Arrivano le prime linee guida al mondo per i pazienti con allergie a uno o più cibi, che sono 17 milioni nei Paesi europei e ben 2 milioni nella sola Italia, di cui oltre 500.000 con meno di 18 anni. Per la prima volta una società scientifica sottopone le sue Linee Guida a una consultazione pubblica sul web nel sito dell'accademia europea delle allergie EAACI, aprendosi per dieci giorni ai commenti e i consigli della comunità.

4 MIN2013 JUL 7
Comments
podcast salutedomani-vaccino-meningite-anmar-celiachia-aifa
hmly
himalayaプレミアムへようこそ聴き放題のオーディオブックをお楽しみください。